Il caffè del generale (2012)

Corto  |  34'  |  Commedia |  Aprile 2012  |  Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Un film che poggia le sue basi su un grossolano equivoco e che, per questo risvolto che non esitiamo a definire tragicomico, ha anche il merito di far divertire. Ma anche una pellicola che, al tempo stesso, rinverdisce i fasti di una delle più significative pagine di storia italiana.

"Il caffè del generale" un cortometraggio della durata di 35 minuti (su pellicola di 16 mm). Prodotto con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, riconosciuto "film di interesse culturale Nazionale", La regia, il soggetto e la sceneggiatura sono di Antonio Domenici.

cast

Regia: Antonio Domenici
Cast: Marcello Arnone, Maurizio Comito, Rossana Gavinel, Christian Roberto, Federico Pacifici, Gianni Pellegrino

Il Film

Guardalo su YouTube

La trama

In un piccolo comune, al fine di onorare e mantenere viva la memoria di un giovanissimo eroe dell'Unità d'Italia (delle cui gesta si era sempre parlato in paese, soprattutto attraverso la tradizione orale tramandatasi da padre in figlio), l'amministrazione comunale decide di organizzare una solenne cerimonia, con tanto di invitati e buffet, che sarebbe poi culminata con la svelatura di un mezzobusto marmoreo e l'intitolazione di un Istituto scolastico.

Senonché, per la data prestabilita, viene invitato a presenziare al cerimoniale l’unico erede ancora vivente: l’ormai anziano Francesco Bagalà, un insegnante di filosofia, da qualche anno in pensione. Questi, una volta giunto sul posto, a bordo della sua vecchia berlina, si avvia verso l'Istituto, portando con sé un diario di famiglia, piuttosto ingiallito dal tempo.

Una sorta di cimelio, in pratica, che dice di aver trovato casualmente in un ripostiglio della sua abitazione, qualche giorno prima, e che intende consegnare agli organizzatori dell'evento, affinché ne tenessero cura. Grazie a questo diario, però, nel momento più bello ed emozionante della manifestazione celebrativa, si scopre che l’eroe non era garibaldino ma borbonico, e scoppia un autentico putiferio. Il confine tra realtà e fantasia, a questo punto, si fa sempre più labile.